FRANCO CALIFANO

FRANCO CALIFANO

  • 3
  • 1
  • 2
  • 4
  • 5

"Non escludo il ritorno" un doppio album che raccoglie undici brani inediti, tra cui il brano presentato al Festival di Sanremo 2005, e tutti i monologhi

Biografia

Se fosse nato da un'altra parte (Stati Uniti, Francia o Inghilterra) sarebbe considerato diversamente: un poeta della beat generation, un impenitente chansonnier o addirittura un Sir. Ma Franco Califano nasce in Italia, e qui, sebbene goda di un'indiscussa popolarità, oscilla sempre tra il gradimento incondizionato di chi lo considera un mito e l'opposizione di quelli che lo vedono come un uomo scomodo, maledetto e spudoratamente trash. In realtà, Franco Califano è tutto questo: poeta maledetto, artista fuori dagli schemi, personaggio unico. Originario di Pagani, piccolo centro del Salernitano, nasce tra le poltrone di un aereo che sorvolava la Libia il 14 settembre del 1938. Animato da un'irrefrenabile irrequietezza, fin da giovanissimo, è affascinato dalla bella vita e dalle donne. Dopo il collegio frequenta un corso di ragioneria serale perché adorando la notte non riesce a svegliarsi la mattina. Il suo profitto scolastico, comunque, è eccellente e diventa ragioniere. Deciso a dare un senso alla sua natura di "uomo contro", parte per Roma dove si impone subito nel mondo dei fotoromanzi. Ma a Franco non basta ama la musica e canta di tutto. Quando, poi, una bellissima attrice sta per stringergli il cappio intorno al collo, Franco sceglie definitivamente la musica e parte per Milano. Frequenta gli ambienti artistici e collabora con i cantanti più famosi di quegli anni che apprezzano il suo talento e il suo modo di pensare e per loro scrive le sue prime canzoni. Califano piace: alle donne perché è maschio, agli uomini perché è forte e sicuro di sé infatti il successo arriva ed è enorme. Negli anni '70, lui che non rinuncia alla sua vena sentimentale, trova poco spazio nelle radio. Però non si scoraggia. Soffre la concorrenza di coloro che definisce falsi messia e mistificatori, ma va avanti per la sua strada. Personaggio contro, condannato a pagare duramente ogni scelta, Califano diventa protagonista delle cronache per frequentazioni e abitudini che la società di allora, pur avallandole in privato, pubblicamente non tollera, diventa "il mostro" e patisce l'umiliazione del carcere. Ma nonostante lo scandalo, il Califfo rinasce, si reinventa, non si dà per vinto - agli arresti domiciliari riesce a registrare un disco trasformando una roulotte in sala di incisione! - e torna al successo. I monologhi, alternati a canzoni di grande impatto emotivo, diventano il suo cavallo di battaglia, è il primo artista moderno a nobilitare il romanesco, il pubblico lo adora, i media si sbizzarriscono e lui gongola. Il Prévert di Trastevere, il Brel romanesco, il Pasolini della canzone, il Belli di quest'epoca: sono alcune definizioni dategli. L'autorevole "Storia della Canzone Romana" lo cita come il più grande autore vivente per aver scritto la più bella pagina della canzone dialettale Romanesca, il Comune di Borbona (Rieti) gli intitola una piazza. La sua filosofia è racchiusa in una frase che dà il titolo, e consegna all'eternità, una canzone bellissima: Tutto il resto è noia. Un testo oggetto di discussione in molte aule scolastiche italiane che regala al suo autore la Laurea Honoris Causa in Filosofia all'università di New York, per aver scritto una delle più belle pagine della Canzone Italiana. Franco Califano ha all'attivo più di venti album e circa mille canzoni. Ha firmato una quantità impressionante di emozioni portate al successo da altri: da Mina (La musica è finita) a Ornella Vanoni (Una ragione di più), da Bruno Martino (E la chiamano estate) a Peppino Di Capri (Un grande amore e niente più) fino a Mia Martini (Minuetto). Discografia 1962 "Ti raggiungerò" (45 giri) 1972 "Un bastardo venuto dal sud" 1973 "L' evidenza dell' autunno" 1975 "Secondo me l' amore" 1975 "24 luglio 1975: Califano in concerto dalla Bussola di Viareggio" 1977 "Tutto il resto è noia" 1977 "Tac" 1979 "Ti perdo" 1980 "Tuo Califano" 1981 "La mia libertà" 1982 "Buio e luna piena" 1982 "Califano in Concerto dal Blue Moon di Ogliastro Marina" 1983 "Io per amarti" 1984 "Impronte digitali" 1985 "Ma cambierà" 1987 "Il bello della vita" 1988 "Io" 1989 "Coppia dove vai" 1990 "Califano" 1991 "Se il teatro è pieno" 1992 "Franco Califano in concerto dal Blue Moon di Ogliastro Marina 2 " 1994 "Ma io vivo" 1995 "Giovani Uomini" 1999 "Tu nell'intimità'' 2000 "Vive chi vive" 2003 "Le Luci della Notte" 2005 "Non escludo il ritorno" www.francocalifano.it


Discografia

  • Non escludo il ritorno
  • Non escludo il ritorno (CDS)
  • Non escludo il ritorno

    Non escludo il ritorno

    Un doppio album che raccoglie undici brani inediti, tra cui il brano omonimo presentato al Festival di Sanremo 2005, e tutti i monologhi (CD2: Che fai ridi?) che trent'anni fa hanno fatto conoscere a tutti il Califano poeta di strada.

    Video

  • Non escludo il ritorno (CDS)

    Non escludo il ritorno (CDS)

Design & Development by